23 Aprile 2024


EMIGRAZIONE COLLESE
NEL MONDO

Colli a Volturno - Isernia








INTERVISTA AD UMBERTO ANGELONE DEL GRUPPO DELLA EMIGRAZIONE COLLESE





Breve intervista ad Umberto Angelone componente del Gruppo della Emigrazione Collese nel Mondo che gestisce unitamente
a Mike Di Sandro (Philadelphia) e Giuseppe D’Acchioli (Treviglio) il sito:

www.emigrazionecollesenelmondo.it







Umberto Angelone racconta la sua storia

Umberto Angelone è nato a Colli a Volturno nel 1947 . Diplomatosi a Sesto San Giovanni (MI)nel 1972, ha lavorato per40 anni a
Roma in una grande società elettronica, dove in qualità di Progettista Impianti Radar ha girato il mondo andando in pensione nel 2011.

Una persona che non ha mai dimenticato Colli e che in ogni momento non disdegna manifestare il suo amore impegnandosi
direttamente.





1 Umberto, perché sei andato via da Colli?

- sono andato via da Colli nel 1965 appena terminata la scuola dei tre anni per elettricisti, per cercare un avvenire migliore.

2 Quali le motivazioni e quali difficoltà incontrate?

- Per migliorare la mia vita e realizzare qui sogni che avevo nella mia testa. La difficoltà maggiore che ho sofferto e che allora i lombardi avevano una grande diffidenza nei riguardi di noi meridionali.

3 quale il tuo lavoro e con quale scuola?

- Scuola frequentata: Istituto Tecnico Industriale “Progettista di Installazioni Radar”

4 allora il tuo lavoro ti ha permesso di girare il mondo? Ci racconti qualche aneddoto oppure il luogo che più ti è rimasto impresso

- Il mio lavoro come progettista di installazione radar mi ha permesso di girare i più grandi aeroporti del mondo dove abbiamo installato i nostri radar. Il posto più interessante e stata l'isola di Puket in Tailandia, dove sono rimasto un mese per lavoro

5 perché torni spesso a Colli, cosa ti lega a questo paese? Perché ancora questo amore per Colli nonostante tu abbia la residenza nella bellissima Tivoli patrimonio dell’UNESCO?



- Torno spesso perché Colli è il mio paese, dove sono nato e lo amo. Quando sono lontano sento tanta nostalgia nonostante io viva a Tivoli, città con due patrimoni Unesco Villa D'Este e Villa Adriana.

6 mi risulta che al comune hai donato qualcosa, puoi dire cosa?

- Circa venti anni fa mia moglie piantò un Tiglio, allora era una piccola pianta ora è diventata molto grande. La pianta si trova all'inizio di corso Volturno partendo dalla piazza dove una volta c’era il lavatoio.

- Venti anni dopo per celebrare il nuovo millennio provvidi a mettere sotto l'albero un panchina, in unico massello di pietra, sul suo lato si può legge; “Tiglio del nuovo millennio “Umberto Angelone e Colasante Giuseppina”.

- Tutto questo l’ho fatto (anche per ricordare l'amore della mia vita (Giusi).




Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie